sabato 7 ottobre 2017

Essere altrove

Credo sia una delle peggiori condanne di vita: desiderare costantemente di essere in un luogo diverso da dove si è.. 

Si potrebbe dire....piglia e vai!

Certo. L'ho fatto parecchie volte.. Ma ho sempre risolto il problema temporaneamente..
Dopo il sollievo iniziale torna inesorabilmente il desiderio di essere altrove.. 

Può essere un'altra casa, un altro lavoro, un'altra città.. Altre persone. 


È una questione destinata a restare insoluta. Lo so che qualcuno leggendo penserà che quella che deve cambiare sono io.


Ed è vero!

5 commenti:

  1. In effetti altre persone o altri luoghi non potranno mai placare l'inquietudine che ci portiamo dentro, abbiamo bisogno di trovare la pace in noi stessi, ma non credo a chi mi dice che è riuscito a raggiungerla.
    La voglia di partire, e poi quella di tornare, di essere soli, ma di avere qualcuno con cui condividere le emozioni è un conflitto che deve essere insito in noi per portarci sempre a cambiare, migliorare, scoprire.
    Dopotutto qualcuno ha scritto un tempo "Nati non foste per viver come bruti, ma per seguir virtude e conoscenza" :)
    Coraggio, sei in buona compagnia

    RispondiElimina
  2. Li abbiamo tutti questi pensieri anche chi dice il contrario. Non siamo mai soddisfatti ma io lo prendo come stimolo anche se spesso mi adagio e perdo tempo. Però vado avanti. Un sorriso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. p.s. ..hai l'ora dei commenti impostata sbagliata . Ora sono le sette e venti :) ( impostazioni...)

      Elimina
  3. È una sensazione più diffusa di quel che si creda. Molta gente neppure si accorgere di vivere cercando costantemente di fuggire dalla propria vita... si aspettano le vacanze, i viaggi, la tredicesima, il sabato sera... si vive aspettando perennemente qualcosa di diverso invece di costruire una vita dalla quale non si abbia voglia di scappare!
    Ciao!

    RispondiElimina

For me (only)

Scrivo qui come farei con una pagina di carta o sulle note del cellulare, visto che la carta è superata. Constato che l'estate (mi si pe...