venerdì 24 novembre 2017

By night

E se i piaceri della tavola ti tengono sveglia, ecco che alle tre di notte ti ritrovi seduta a scrivere improbabili post notturni, a riflettere sulla vita, sul passato, sul presente e un po' sul futuro. La notte rende tutto più ovattato e smorza i connotati degli eventi, resi più drammatici dalla luce diurna.
A volte bisognerebbe essere come i cellulari: poter inserire la modalità notturna ed essere raggiungibili solo dai numeri di emergenza..

6 commenti:

  1. La notte ha sempre un suo fascino, le ombre si ingigantiscono, i pensieri si amplificano.

    Io sono un animale diurno, quando mi sveglio nel cuore della notte resto a letto a pensare, non mi viene di alzarmi a fare cose.
    Poi, di tutti quei pensieri al mattino faccio una pallina che getto nel cestino dei pensieri usati :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posto che la notte preferirei dormire,visto che la sveglia suona piuttosto presto, mi alzo solo quando capisco che riprendere sonno è pressoché impossibile. La mattina va quasi tutto perduto, anche i concetti che meriterebbero di essere conservati. Ben riletto

      Elimina
  2. Ne parla anche la bibbia delle pause di sonno nella notte, preziose e di attesa,dove la mente ricostruisce la parte più preziosa di noi. Penso che anche il dolore è un dono che aiuta a maggiore sensibilità come i tortuosi pensieri, nulla va perduto e aiuta a crescere. La vita è così piena e così complicata che lascia strascichi anche nei tempi dedicati al riposo, la notte, tranquilla.

    RispondiElimina
  3. ma questo blog? e soprattutto...l'altro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è questo e c'è l'altro. E non sono in incognito, visto il nick simile. Come sei arrivato fin qui? :)

      Elimina
  4. Mi piace la metafora del cellulare, penso proprio che tu abbia ragione. Nessuno ci vieta di avere dei momenti nei quali essere irraggiungibili, è a noi che manca il coraggio di inserire la modalità notturna...

    Ciao, a presto!

    RispondiElimina

La barca

Avevo aperto questa nuova "stanza" per avere una valida alternativa a Libero, per certi versi un po' sputtanato. Ma se da u...